Le cose da vedere e da fare a Ravenna e dintorni

http://www.campingreno.it/wp-content/uploads/2018/10/bardello.jpg
News

Che tu abbia già prenotato la tua vacanza o che stia curiosando per decidere se siamo la meta giusta per te ecco alcune delle cose divertenti ed interessanti da vedere e da fare nella nostra località. 

La Natura

Iniziamo dagli itinerari naturalistici che caratterizzano il Parco del Delta del Po:    

  1. La Pineta di San Vitale è la parte più vasta e settentrionale del complesso boschivo che storicamente separava la città di Ravenna dal mare . È caratterizzata dalla presenza di bassure umide alternate a “staggi”, ovvero zone più elevate derivate dagli antichi cordoni dunosi. Tali radure si aprono nel mezzo di una foresta di pini, di frassini, di pioppi bianchi, di querce e farnie, molti dei quali vegetano con la base del proprio tronco immersa nell’acqua. Anche il sottobosco è molto ricco. Si possono riconoscere biancospini, prugnoli, sanguinelle, olivastri, ginestrelle, pungitopi, asparagi, funghi, rose selvatiche e altro ancora. 

Per consentire la visita di queste zone, e poterne apprezzare la bellezza e la ricchezza dal punto di vista naturalistico, sono attivi diversi percorsi e aree di sosta (Ca’ Vecia e Ca’ Nova) segnalati e attrezzati con punti di osservazione schermati. In particolare, dal parcheggio della Ca’ Vecia, Centro di didattica ambientale del Parco, partono sentieri verso il cuore della pineta e la Pialassa Baiona. Da qui si snoda un percorso fruibile a piedi o in bicicletta che consente di visitare la caratteristica chiesetta della Madonna del Pino, attraversare i ponticelli sul Canale Fossatone, e raggiungere bassure ove ammirare aironi, folaghe, anatre.                         

Il bosco è anche attraversato da itinerari a cavallo, per effettuare i quali è necessario rivolgersi ai maneggi o alle aziende agrituristiche, presenti all’interno della pineta e nelle campagne vicine. 

Come arrivare
La Pineta di San Vitale si trova lungo la Statale Romea 309 in direzione Nord, a 10 km da Ravenna. Si consiglia di raggiungere l’ampio parcheggio adiacente l’Oasi di Punte Alberete o percorrere il canale Fossatone sino al parcheggio della Cà Vecia.

Informazioni per escursioni guidate
Museo NatuRa, Sant’Alberto (Ra). Tel. (+39) 0544.528710
Punto informativo Casa Monti – Alfonsine (Ra). Tel. (+39) 0544.869808
IAT Ravenna. Tel. (+39) 0544.35404 – 35755

  1. La Valle Furlana si trova a Sant’Alberto (Ra), lungo l’argine settentrionale del fiume Reno, a est della penisola di Boscoforte, in una zona genericamente indicata come Valli meridionali di Comacchio. 
    È difficile inquadrare questo complesso vallivo poiché non sempre i toponimi usati ne identificano correttamente le diverse aree che lo compongono. In passato i singoli bacini erano delimitati da cannicciati che univano dossi emersi e i singoli confini cambiavano ad ogni passaggio di proprietà o secondo le esigenze gestionali delle aree. 

Il suo habitat costituisce un fortissimo richiamo per molti uccelli che qui vengono a nidificare. Sono presenti pressoché tutte le specie ornitiche censite nelle zone umide dell’alto Adriatico, tra questi ricordiamo i Laridi e Sternidi come il Gabbiano Reale Mediterraneo, il Gabbiano Comune, il Gabbiano Roseo, il Gabbiano Corallino, la Sterna Comune, la Sterna di Ruppel, il Beccapesci, il Fraticello, la Sterna Zampenere ma anche la Spatola, l’Airone cinerino, l’Airone bianco maggiore, il Mestolone, la Canapiglia, il Moriglione, il Falco di palude, il Volpoca, la Pettegola, la Pittima Reale, il Cavaliere d’Italia e l’Avocetta.

Durante l’estate è possibile incontrare altri tipi di uccelli come lo Svasso Maggiore, il Tuffetto, il Cormorano, il Germano Reale, la Folaga, il Piro-Piro Piccolo, il Fratino, il Beccamoschino, il Forapaglie, la Cannaiola, il Cannareccione, la Salciaiola e il Migliarino di palude.
Tra i pesci figurano l’Anguilla, la Spigola, l’Orata, il Cefalo, il Ghiozzo, il Pesce Ago, la Bavosa, la Passera, il Nono e la Gambusia. Tra i mammiferi il Coniglio selvatico, la Nutria, l’Arvicola Terrestre. 

Come arrivare
Percorrendo la SS Romea e svoltando verso ovest, poco più a sud del fiume Reno, si raggiungono i centri di Mandriole e S.Alberto. Qui, giunti sull’argine meridionale del fiume Reno, è possibile accedere a un piccolo traghetto (affitto bici e canoe) che permette di arrivare sulla sponda opposta, in prossimità della valle Furlana.

Informazioni per escursioni guidate
Museo NatuRa, Sant’Alberto (Ra). Tel. (+39) 0544.528710
Punto informativo Casa Monti – Alfonsine (Ra). Tel. (+39) 0544.869808
IAT Ravenna. Tel. (+39) 0544.35404 – 35755

  1. Il Bardello costituisce la parte iniziale di una depressione allungata di origine storica nota come “Bassa del Pirotolo”, situata a nord della Pineta di San Vitale e terminante nella Buca del Cavedone. Si presenta come una prateria allagata dolce, popolata da tartarughe d’acqua, svassi, ardeidi, aironi cenerini ed altre specie animali, cui si affianca una flora variegata, tra cui il ranuncolo d’acqua.
    La Torre-osservatorio di Valle Mandriole è l’unico punto elevato dal quale poter dominare l’intera area. Frequentato da amanti della natura ravennate e curiosi, la torre offre alla vista un notevole panorama, che comprende le “garzaie” di Valle Mandriole e si spinge fino a Punte Alberete. 

Come arrivare
Il sito è raggiungibile percorrendo la Strada Statale 309 Romea in direzione Nord, in prossimità del parcheggio dell’area di Punte Alberete, immediatamente dopo aver oltrepassato il ponte sul fiume Lamone.

Informazioni per escursioni guidate
Museo NatuRa, Sant’Alberto (Ra). Tel. (+39) 0544.528710
Punto informativo Casa Monti – Alfonsine (Ra). Tel. (+39) 0544.869808
IAT Ravenna. Tel. (+39) 0544.35404 – 35755

  1. Punte Alberete e Valle Mandriole costituiscono gli ultimi esempi di palude di acqua dolce, residui delle foreste paludose meridionali della Valle Padana. La loro origine è legata alle vicende idrauliche del fiume Lamone, che fino al XIV secolo mancava di un sbocco diretto verso il mare; soltanto con l’intervento pontificio del 1839 si riuscì a sistemare quest’area, favorendone la sua bonifica. 

    Il complesso posto a nord del fiume Lamone prende il nome di Valle Mandriole (o della Canna). Si tratta di una valle caratterizzata da specchi d’acqua dolce alternati a dossi ricoperti da fitti canneti. Sul lato sud è presente una torretta di avvistamento che consente di osservare tutta l’area e i numerosi uccelli che vengono qui a nidificare: un vero e proprio paradiso per gli amanti delle foto naturalistiche e del birdwatching.              
    L’area a sud del Fiume Lamone è, invece, conosciuta con il nome di Punte Alberete. Si tratta di una foresta molto suggestiva dal punto di vista paesaggistico per l’alternarsi di ambienti di bosco igrofilo, più o meno inondato, praterie sommerse, spazi aperti e flora (ninfee, gigli di palude) e fauna tipiche di ambienti palustri (moretta tabaccata, airone rosso, ibis mignattaio, sgarza ciuffetto, nitticora, tarabusi e tarabusini).

L’area è caratterizzata da un sentiero “rialzato” con passerelle e segnaletica della flora tipica; inoltre presso il chiaro Sciafèla (Carraia Scargnarda) si trova un osservatorio schermato. Il percorso è tassativamente pedonale e ombreggiato su entrambi i lati; è un itinerario di poco più di tre chilometri durante il quale è possibile ammirare un mosaico di ambienti, dalla foresta allagata alle praterie palustri, dalle strette fosse ai vasti chiari aperti, dai sentieri e spiazzi erbosi al bosco igrofilo. Uno straordinario rifugio per osservare piante e animali, altrove scomparsi o in via di estinzione, uno scrigno di biodiversità e bellezza. 

Come arrivare L’oasi di Punte Alberete si colloca a nord di Ravenna, presso il Canale Fossatone, circa al km 8 della Strada Statale Romea 309 che da Ravenna porta a Venezia. La visita dell’Oasi parte dall’ampio parcheggio posto a lato di Punte Alberete.

Informazioni per escursioni guidate Museo NatuRa, Sant’Alberto (RA)
Tel: +39 0544 528710 – 529260
Email: infonatura@comune.ra.it; natura@atlantide.net
Sito web: www.natura.ra.it

  1. La Pialassa della Baiona si colloca a 10 km a nord di Ravenna. Comprende circa 1100 ettari di zone umide collegate al Mare Adriatico unicamente dal Canale Candiano e dalla bocca dell’area portuale di Porto Corsini.
    L’etimologia del termine Pialassa deriva probabilmente dal sistema dinamico che regola questo tipo di lagune, che ricevono (“Piglia”) e restituiscono (“lascia”) l’acqua marina a seconda dei livelli di marea che oscillano nel corso della giornata.
    È caratterizzata da specchi d’acqua aperti, alternati a canali artificiali e dossi (barene). I chiari sono ricoperti da comunità vegetali alofile e prati salmastri, tra cui il più suggestivo è sicuramente il cosiddetto Prato Barenicolo, dedicato all’insigne naturalista romagnolo Pietro Zangheri. Si tratta di una prateria popolata da piante (salicornieti, limonieto, etc.) e animali (avocette, cavalieri d’Italia, limicoli, laridi) tipici delle basse acque salmastre, che durante l’alta marea viene sommersa dalle acque salate della pialassa.
    Gli argini dell’intero comprensorio presentano una ricca vegetazione formata da piante di limonio, inula e settembrino, ma anche da graminacee e arbusti come la tamerice, il prugnolo, il rovo e la vitalba. Nelle acque aperte sono molto diffuse le macroalghe verdi, in prevalenza lattuga di mare.
    L’area riveste grande importanza anche come luogo di alimentazione per alcune specie nidificanti (marangone minore, mignattaio, mignattino piombato) e per la sosta di alcuni uccelli di passo (anatidi, caradriformi). Importanti sono le colonie di fratino, avocetta e cavaliere d’Italia, oltre a garzette e gabbiani.I margini e i dossi di questi bacini sono costellati dai tradizionali capanni di pesca (detti bilancioni o padelloni).

La laguna può essere raggiunta attraversando la Pineta di San Vitale e percorsa a piedi o in bicicletta. Da alcuni anni è possibile visitarla anche a bordo di una piccola imbarcazione, che permette di ammirare meravigliosi scorci paesaggistici.

Come arrivare
Rispetto alla città di Ravenna, la Pialassa della Baiona si trova tra la Statale Romea 309 e la via Baiona, in direzione Porto Corsini. È possibile raggiungerla attraverso il parcheggio della Cà Vecia, da cui si snodano itinerari per la pineta di San Vitale o tramite la via delle Valli (area Prato Barenicolo) e le località di Porto Corsini e Marina Romea. Lungo la via Baiona si segnala l’accesso al Capanno Garibaldi.

Informazioni per escursioni guidate
Museo NatuRa, Sant’Alberto (Ra). Tel. (+39) 0544.528710
Punto informativo Casa Monti – Alfonsine (Ra). Tel. (+39) 0544.869808
IAT Ravenna. Tel. (+39) 0544.35404 – 35755

  1. Il comprensorio dell’Ortazzo e Ortazzino è il sito costiero avente la maggiore biodiversità di tutto il litorale emiliano-romagnolo. Si sviluppa all’interno della Pineta di Classe, attorno alla foce del Torrente Bevano, ultima foce estuariale meandriforme dell’Alto Adriatico libera di evolversi naturalmente. L’intera area copre una superficie di circa 40 ettari e mostra come doveva essere la fascia costiera regionale prima dei massicci interventi dell’uomo.

L’area a ovest della foce, detta Ortazzino, comprende i meandri fossili del Bevano e parte delle dune costiere, i retrostanti prati umidi salmastri con falda affiorante e prati aridi dominati dal ginepro comune e dall’olivello spinoso. Sono presenti quasi tutti i tipi di vegetazione alofila nordadriatica, dai salicornieti annuali e perenni agli spartinieti e giuncheti marittimi sino al puccinellieto. Alle spalle delle dune si trovano le pinete demaniali, sezioni Ramazzotti e Savio, create alla fine del XIX secolo, allo scopo di proteggere le colture retrostanti dai venti marini. 

L’Ortazzo è uno dei siti costieri più incontaminati e con maggiore biodiversità. Nato come valle di acqua dolce, arginata e ottenuta dalla riconversione di precedenti risaie, oggi risente degli influssi salmastri della falda che la rendono un ampio stagno costiero. Durante l’estate i punti più bassi si prosciugano, formando distese fangose in cui si insediano comunità alofile annuali tipiche di questi ambienti. La palude è attraversata da una penisola con pineta. L’intero sito è importante per la migrazione e lo svernamento degli uccelli acquatici e dei rapaci diurni (in particolare albanelle e aquila anatraia maggiore) oltre che per la nidificazione dei caradriformi (cavaliere d’Italia, avocetta, sterna zampenere, fraticello, sterna comune).

Come arrivare  L’area, posta nel cuore della pineta di Classe, si trova a est della Strada Statale 16 Adriatica tra le località di Classe e Fosso Ghiaia. Per visitare l’Ortazzo si suggerisce di percorrere in auto via Bevanella sino a un parcheggio, dal quale proseguire a piedi sull’argine della palude in direzione della Pineta di Classe. Lungo le rive della palude, ma all’interno del bosco, sono collocati una torre e un capanno per il birdwatching.
Un’altra torretta si trova, invece, lungo via della Sacca, traversa a sinistra della Strada Statale 16 Adriatica in direzione Rimini. È situata lungo la riva sinistra del torrente Bevano, in corrispondenza della confluenza con il canale Fosso Ghiaia.

Informazioni per escursioni guidate  Centro Visite Cubo Magico Bevanella
Tel. +39 335 5632818 – 0544 528710 / 529260
Email: bevanella@atlantide.net
Sito: www.atlantide.net/bevanella

  1. La piattaforma Paguro si trova nei fondali marini di fronte a Lido di Dante.
    Il 29 settembre del 1965 un incidente durante i lavori per la perforazione di un pozzo metanifero fece esplodere la piattaforma offshore dell’Agip “Paguro” che si inabissò a circa 25 metri di profondità, a circa 12 miglia di distanza dal porto di Marina di Ravenna. Vista la ricchezza eccezionale di vita che ha avuto modo di formarsi attorno a questo reef artificiale, negli ultimi anni il relitto è divenuto meta ambita per subacquei sportivi. Nell’area della piattaforma sono presenti, difatti, molti invertebrati mobili come Echinodermi, Olotulidi, Asteroidi e Ofiuroidi. I pesci presenti sono quelli tipici dei fondali rocciosi, difficilmente riscontrabili in altre parti dell’Adriatico nord-occidentale: corvine, occhiate, mormore, scorfani neri, spigole e gronghi; e fra i crostacei si segnala l’astice, la cicala di mare e alcune varietà di granchi. Sul fondale fangoso, attorno al relitto, vive una ricca fauna: numerosi esemplari di pinna pectinata, celenterati, attinie, cerianti.
    Per regolamentare le immersioni sul relitto e salvaguardare la zona di tutela biologica, istituita nel 1995, è nata a Ravenna l’Associazione Paguro.Per informazioni Telefono: +39 0544 531140
    Email: paguro@racine.ra.it

 

  1. Il Giardino Rasponi o delle Erbe Dimenticate è un delizioso angolo verde aperto al pubblico, collocato all’incrocio tra Via Rasponi e Via Guerrini, alle spalle del Battistero Neoniano. Le sue possenti mura di cinta attutiscono i rumori della città, creando un’atmosfera magica, esaltata dai colori e dai profumi delle erbe coltivate. La vista, invece, è catturata dallo scorcio di una Ravenna insolita, che dà sulla cupola del Duomo e sul suo bel campanile rotondo.
    Al suo interno sono coltivate sia erbe recuperate dai ricettari degli speziali che erbe più note, di uso quotidiano, presenti nella cucina mediterranea.                                                                     

Tutti i giorni: 9.00 – 12.30 /  Chiuso tutti i pomeriggi e la domenica           

Ingresso gratuito

Come arrivare Centro storico. Fermata bus a 20 m. linea 1, Parcheggio auto Guidarello Guidarelli a 100 mt (a pagamento) Vicinanze: Duomo di Ravenna, Museo Arcivescovile, Cappella di Sant’Andrea, Battistero Neoniano

Indirizzo: Piazzetta Paolo Serra  Telefono: +39 0544 34764   E-mail: info@erboristeriaravenna.it

La Cucina Tipica

La Romagna è anche caratterizzata dall’ottima cucina tipica e pur distinguendosi in maniera particolare per il suo splendido patrimonio culturale e paesaggistico, Ravenna è anche una città ospitale e di antica tradizione culinaria.

Le minestre asciutte e in brodo occupano una posizione preminente nei menù tipici locali: fra le specialità più conosciute si annoverano tagliatelle, lasagne, strozzapreti conditi con il ricco ragù di carne della tradizione, passatelli dal colore dorato, profumati di parmigiano e noce moscata e cappelletti dallo squisito ripieno di formaggio, al ragù o annegati in un brodo sopraffino. Tutti i primi piatti sono realizzati con pasta “fatta in casa”, e per questo sono celebri e molto richiesti.
A questi si aggiungono le carni di maiale, prevalentemente cotte alla griglia su braci di legna, spesso accompagnate dal “pinzimonio” (misto di verdure crude e fresche, da intingere in sale e olio).
Nei centri costieri (ma anche in città) il risotto alla marinara, i tagliolini allo scoglio, gli spaghetti con le vongole precedono saporite grigliate durante le quali è possibile gustare le molte varietà di molluschi e pesci dell’Adriatico.
I piatti di pesce e di carne vengono sempre accompagnati da calde e fragranti piadine e, almeno come piccolo assaggio, dall’indimenticabile formaggio morbido locale: lo Squacquerone di Romagna.

A tutti questi piatti si abbinano perfettamente i vini locali (Sangiovese, Trebbiano, Pagadèbit) e i dolci, genuini e tradizionali, come i biscotti secchi, i tortelli ripieni di marmellate, le ciambelle e le crostate, da inzuppare in vini amabili come il bianco Albana o come la rossa Cagnina.

Per chi lo desiderasse è possibile visitare su appuntamento l’Azienda Agricola Sbarzaglia che si trova a Villanova di Ravenna, nella piena campagna ravennate. Fondata nel 1966 da Guerrino Sbarzaglia si occupa principalmente della gestione dei propri poderi. Tramandata di padre in figlio ha conosciuto nel corso degli anni un graduale rinnovamento.
Oggi punta allo sviluppo del ramo vitinicolo esistente “l’Uva del Tundé” avvalendosi delle nuove tecnologie e realizzando impianti moderni e pionieristici ma sono presenti anche altri vitigni internazionali.
Tradizioni e passioni rappresentano da sempre la filosofia di vita dell’Azienda.

Indirizzo: Via San Giuseppe, 8       Telefono: +39 0544 499205  +39 333 4506949

Lo Sport

Ed è inoltre possibile praticare diversi sport, dal beach volley al paddle , dalla canoa all’ equitazione : 

  1. Il Maneggio Cavallo Felice è pensato e costruito per dare al cavallo, cavaliere e amazzone, il miglior comfort e attenzioni possibili. La struttura dispone di due grandi scuderie per il pensionamento e offre lezioni con cavalli e pony a partire dai 4 anni. Le lezioni riguardano le tre discipline olimpiche: il Salto Ostacoli, il Dressage e Cross Country.
    Durante il fine settimana la struttura apre le sue porte ai bambini per farli divertire e avvicinare al meraviglioso mondo dei cavalli.

Indirizzo: Via Baiona, 310 – Porto Corsini   Telefono: +39 338 9464529    E-mail: info@cavallofelice.it

  1. Pista mini moto, noleggio Go-Kart. Il Centro Sportivo Lago Max nasce nel 2003 e si sviluppa su un’area di 70.000 mq. Accanto a un bellissimo lago, abitato da cigni, anatre, oche e pesci, si sviluppa una pista da mini moto. Il tracciato, lungo 481 metri, ha 12 curve molto tecniche e un asfalto drenante con un ottimo grip. Oltre alla pista, il centro è servito da un bar, una bruschetteria e una pizzeria con la possibilità in estate di mangiare anche in riva al lago; inoltre è dotato di un comodo parcheggio per macchine e camper.

Tariffe
Minimoto private: € 20,00 (indipendentemente dall’orario di arrivo).
Noleggio Go Kart: € 15,00 – Un turno di 10 minuti 

Indirizzo: Via Staggi, 221       Telefono:+39 328 3674204      E-mail:pista@lagomax.it

  1. Paracadutismo – Pull Out Skydive è uno dei migliori centri di paracadutismo sportivo in Italia. Situato a sud di Ravenna presso l’aeroporto di F.Baracca, opera con il Grand Caravan, un Cessna dotato di un nuovo e moderno Para kit.

Come arrivare
L’aeroporto  “F.Baracca” è raggiungibile attraverso l’autostrada A14 e dalla Statale Adriatica SS16                                                                                       

Indirizzo: Via Dismano, 160     Telefono: +39 0544 497899 / +39 348 7606262   Email: info@pullout.it

  1. Tiro a Segno Nazionale – Sezione di Ravenna, che assolve due compiti:

– Ente pubblico, si occupa dell’addestramento di coloro che prestano servizio armato presso enti pubblici o privati, di chi è obbligato a iscriversi e frequentare una Sezione di T.S.N. ai fini della richiesta di una licenza di porto d’armi, e di tutti coloro che vi sono obbligati per legge;

– Associazione Sportiva Dilettantistica, riconosciuta dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.), promuove la disciplina del tiro a segno attraverso lo svolgimento di attività ludiche e propedeutiche all’uso delle armi e alla preparazione dei tiratori per l’attività sportiva nazionale.                                   

La struttura dispone di diverse tipologie di poligono, sia indoor sia outdoor e di un’area per il tiro con l’arco.                                                                           

Indirizzo: Via Trieste, 180       Telefono: +39 0544 420053  Fax: +39 0544 420337

  1. L’Aquae Sport Center (ex Centro Sportivo “Tre Laghi”), nato è a metà degli anni ’70, è attrezzato con una piscina e impianti funzionali allo svolgimento di attività acquatiche. È dotata, inoltre, di campi da tennis e paddle, pista di pattinaggio, minigolf e ristorante, nonché di una struttura presso-statica che ospita 6 campi in sabbia per le attività di beach tennis, beach volley e footvolley.

Orario
Lunedì – Venerdì: 8.00 – 23.00
Sabato e Domenica: 8.00 – 19.00

Come arrivare
Il centro è situato in località Porto Fuori, a ca. 4 Km dal centro della città. E’ raggiungibile in automobile e in autobus, linea 1A. Possibilità di parcheggio all’esterno della struttura e nelle vie limitrofe.                                     

Indirizzo: Via Berretti, 55 – Porto Fuori   Telefono: +39 0544 432390   Fax: +39 0544 699507  E-mail: info@aquaesportcenter.it

  1. Mulligan Indoor Golf and Lounge è un’innovativa struttura di indoor golf in centro a Ravenna. 
    Dispone di 2 simulatori per il gioco e la pratica del golf, putting green e chipping area, bunker, un fornitissimo negozio di abbigliamento e attrezzatura e un angolo con lounge bar.
    La struttura – di 400 mq totalmente al coperto – consente di giocare a golf 365 l’anno e di avvicinarsi a questo sport in modo semplice e soprattutto economico.
    Il centro offre: servizio di club Fitting personalizzato, servizio di riparazione mazze da golf e carrelli, lezioni di golf individuali e collettive.

Orari
Lunedì: 15.00 – 20.00
Martedì – Venerdì: 14.30 – 20.00

Giorni di Chiusura
Sabato (maggio-settembre), Domenica e Lunedì mattina

Tariffe
Ingresso libero, uso gratuito dell’attrezzatura. Free WiFi.

Indirizzo: Via Chartres, 3    Telefono: +39 0544 212861      E-mail:ravenna@mulligan.it

L’Arte e la Storia

       

In ultimo per gli amanti del patrimonio artistico e culturale è nata un’App “Talking Ravenna” per dispositivi mobili per rendere più ricco, stimolante il tuo viaggio alla scoperta di Ravenna.        

Impara a conoscere i monumenti della città e l’area archeologica di Classe in modo approfondito ed emozionale. Grazie alla geolocalizzazione rendi la tua visita intrigante e interattiva con itinerari guidati, descrizioniimmagini, rendering virtuali, giochi e informazioni sull’accessibilità e molto altro ancora.

E grazie alla AR (Realtà Aumentata) rendi più coinvolgente la tua visita, usando semplicemente la videocamera del tuo dispositivo per visualizzare sullo schermo tutte le informazioni utili che cerchi!

La bellezza di Ravenna non cambia, cambia il modo di conoscerla!

Oppure non perdere l’occasione di un Tour privato di Ravenna con ingresso ai monumenti principali ed edifici storici; passeggiando tra le strade della città antica, visita la pittoresca Piazza del Popolo e la tomba di Dante avendo una guida professionale a tua completa disposizione! In questo tour privato di 3 ore la tua guida ti mostrerà i più importanti tesori della città. Esplorerai alcuni dei suoi siti più famosi e ammirerai i meravigliosi mosaici intorno a te. Lasciati affascinare dai mosaici dell’arte Paleocristiana e Bizantina all’interno della Basilica di San Vitale, del mausoleo di Galla Placidia, e del Battistero Neoniano, del museo Arcivescovile e della Basilica di Sant’Apollinare Nuovo.

Cammina lungo le strade della città vecchia e fermati ad ammirare la pittoresca Piazza del Popolo e la tomba di Dante, chiamata anche “Zona del Silenzio”.

Disponibilità: Tutti i giorni

Durata: 3 ore

Lingua: Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Tedesco

Cosa è incluso

>>  Tour privato con guida esperta

>>  Biglietti d’ingresso per: Chiesa di San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia, Battistero Neoniano, Museo Arcivescovile e Basilica Sant’Apollinare Nuovo

Cosa non è incluso

>>  Transfer per il luogo d’incontro

Dove  Piazza del Popolo, Ravenna, Italia

Punto d’incontro: Incontrerai la tua guida all’ingresso dell’edificio che presenta tre porte ad arco e la torre dell’orologio. Si prega di mostrare il voucher alla guida (in versione digitale o stampata).https://www.musement.com/it/ravenna/tour-privato-di-ravenna-con-ingresso-ai-monumenti-11029/

Per altre visite guidate http://www.turismo.ra.it/ita/Scopri-il-territorio/Itinerari-e-visite/Visite-guidate

I Parchi Divertimento

Diverse sono le possibilità di divertirsi in Romagna, soprannominata anche la Riviera dei Parchi. Da Mirabilandia al Safari Le Dune del Delta, da Aquafan a Fiabilandia, dall’ Italia in Miniatura all’Acquario di Cattolica! Trovi tutte le informazioni su http://www.rivieradeiparchi.it/ 

Speriamo di averti dato un’idea e stimolato la tua curiosità per questa località piena di meraviglie storiche, artistiche, naturalistiche ed enogastronomiche! Buon divertimento